Indagini Geofisiche

Nova Tellus
Telefono: +39 329 9606612  

STUDI GEOTECNICI PER EDILIZIA, territorio in lombardia ed italia

Nova Tellus si occupa di studi geologici-geotecnici-ambientali per l’edilizia ed il territorio  in ambito nazionale. In modo da analizzare correttamente la dispersione delle onde di superficie, tramite l’analisi MASW, ovvero un’Analisi Multi-canale delle Onde di Superficie.

MASW

MASW è l’acronimo di Multi-channel Analysis of Surface Waves (Analisi Multi-canale delle Onde di Superficie). Più specificatamente, con una prospezione MASW attiva si analizza la dispersione delle onde di superficie (frequenze diverse del segnale viaggiano a velocità diversa). Il principio base è piuttosto semplice: le varie componenti (frequenze) del segnale sismico, viaggiano ad una velocità che dipende dalle caratteristiche del sottosuolo attraversato.

Down Hole

La prospezione sismica Down Hole è una delle più accurate prove sismiche per la determinazione delle caratteristiche fisico-meccaniche dei terreni e permette la determinazione dei profili delle onde sismiche di compressione P e di taglio S, con la relativa profondità. sono misure richieste ed effettuate quando si deve avere una accurata conoscenza delle caratteristiche elastiche dei litotipi. Con questa prova si misurano i tempi di arrivo di impulsi sismici che sono generati in superficie e diretti verso un ricevitore posto all’interno di un foro di sondaggio verticale. La prova consente la misura diretta della velocità di propagazione Vp e Vs e la determinazione dei parametri elastici dei terreni in condizioni dinamiche.

La metodologia di indagine si basa sull’acquisizione e lettura dei tempi di propagazione delle onde sismiche generate ad 1 metro lungo la profondità del foro. così si può ottenere un diagramma dei tempi di tragitto sorgente-ricevitore in funzione della profondità z, ed ottenendo di conseguenza le velocità e gli spessori degli starti indagati.

Geoelettrica

E' una delle tecniche geofisiche maggiormente utilizzate, insieme alla sismica, per studiare il sottosuolo, e trova applicazione in tutti i campi della geologia. Con tale procedura si possono ottenere: studi geologici ed idrogeologici, individuare superfici stratigrafiche orizzontali, effettuare ricerche idriche e modellazione, individuazione di aree contaminate e discariche abusive, monitoraggio delle bonifiche, ricerche minerarie ed archeologiche, individuare oggetti sepolti. Tali indagini vengono effettuate mediante il metodo della resistività, analizzando il campo elettrico generato nel terreno a seguito dell’immissione di una corrente continua o alternata a bassa frequenza.Si possono effettuare indagini 1D che 2D (bidimensionali) e la metodologia di acquisizione varia a seconda del posizionamento sul terreno e3gli elettrodi di corrente e di potenziale. Le configurazioni vengono denominate Wenner, Schlumberger e dipolo-dipolo.


Sismica e tomografia

La sismica a rifrazione permette di ricostruire geometrie e spessori del sottosuolo, la profondità del substrato e la verifica di eventuali discontinuità laterali, determinando le caratteristiche fisico-meccaniche attraverso la stima dei moduli elastici dinamici. Le caratteristiche degli orizzonti litologici quali velocità e gli spessori vengono dedotti dalla misura dei tempi di percorso dei raggi sismici prodotti da stazione energizzante, che si propagano verso una successione di ricevitori. Per analizzare i percorsi dei raggi sismici rifratti si utilizza un diagramma cartesiano in cui vengono riportate nelle ordinate i tempi di primo arrivo (ms) ed in ascisse le distanze (m) dalla sorgente.

La Tomografia Sismica a Rifrazione invece è una tecnica di indagine in grado di riscontrare anomalie nella velocità di propagazione delle onde sismiche con un alto potere risolutivo, permettendo così di ricostruire le anomalie e discontinuità stratigrafiche anche molto complesse. Il metodo di calcolo si basa sulla simulazione numerica del fenomeno propagatorio che va ad individuare i campi incogniti di velocità delle onde sismiche. Questo permette di calcolare  i loro tempi di percorrenza e realizzare di conseguenza un’efficace discretizzazione del sottosuolo, trasformando poi il tutto in una immagine bidimensionale.

Vibrometrica 

Si tratta dell'analisi delle vibrazioni indotte su edifici civili, ponti, viadotti, complessi monumentali e strutture di “pregio” da parte de traffico veicolare o da altre sorgenti quali vento, attività di cava. Queste analisi permettono di prevenire il rischio di danno su opere civili indotto anche da lavori di edificazione, scavo e demolizione. L'indagine viene eseguita con una centralina di acquisizione che funge da acquisitore vibrazionale o microsismico, collegata ad un velocimetro tridirezionale linearizzato. Lo strumento si basa sulla misura delle velocità/accelerazioni di picco prodotte dai vari fenomeni vibratori e permette di acquisire i seguenti parametri: Velocità di picco, Frequenza di picco, Accelerazione di picco, Spostamento di picco per tutte le tre componenti (x, y e z). 

Il monitoraggio permette di avere misurazioni delle vibrazioni di picco e di poter realizzare grafici delle grandezze misurate (velocità, spostamenti e frequenze), analisi dei dati registrati e resoconto delle operazioni di controllo.

Chiamare al numero 329 9606612 per info e consulenze

Share by: